Itinerari

Itinerari

Itinerari archeologici

Itinerari archeologici

Carsulae

I resti della città romana di Carsulae, (il più importante sito archeologico di epoca romana dell’Umbria), si trovano a pochi kilometri da Terni e da Sangemini- conosciuta per le sue acque minerali. Probabilmente, uno dei fattori che determinarono la nascita di questo centro fu proprio la presenza delle sorgenti, che vennero sfruttate per alimentare le terme.

Ma fu soprattutto la sua collocazione lungo la via Flaminia, che  favorì la crescita e lo sviluppo della città di Carsulae, che nel I° sec dC  fu importate centro romano. La via Flaminia venne aperta fra il 220 e 219 a.C. e agli anni immediatamente successivi, risale la fondazione di Carsulae. Di questa fase della sua storia, tuttavia, rimangono poche testimonianze.  Quanto hanno portato alla luce gli scavi archeologici, soprattutto quelli effettuati tra il 1951 e il 1972, è parte dell’assetto urbanistico costruito tra il 1° sec a.C e il 1° sec .C,. Proprio dai resti degli edifici disseppelliti, gli studiosi hanno evinto che in quel periodo, Carsulae  era diventata una città prospera. L’itinerario di visita comprende il Foro, i templi gemini, la chiesa di San Damiano, la  basilica, l’anfiteatro, il teatro e l’arco di San Damiano. Fuori del centro abitato, sorgono i resti di importanti monumenti funerari. Il percorso di visita si snoda lungo il tratto urbano della via Flaminia, che costituiva il cardo maximus  della città.

Carsulae venne definitivamente abbandonata tra il III e il IV sec d.C. anche a causa del ruolo meno rilevante per i commerci che progressivamente ebbe  il ramo della Flaminia lungo il quale si trovava questo centro romano.

Per informazioni su costi e orari: www.carsulae.it

Anfiteatro Romano  (I sec d.C)

La testimonianza più rilevante della città romana di Interamna è l’Anfiteatro. Era ubicato all’interno delle mura cittadine ( un tratto delle quali è ancora conservato al disotto dei giardini pubblici della Passeggiata), in corrispondenza della porta sud. La costruzione dell’edificio risale ai primi decenni  del I° sec.- Le alterazioni che ha subito nel corso dei secoli, hanno lasciato intatta la forma ellittica della costruzione, così come è ancora  ben visibile la tecnica edilizia in opus reticulatum bicromo.

Più volte ristrutturato,  l’Anfiteatro viene utilizzato nel periodo estivo  per lo svolgimento di manifestazioni culturali.

Anfiteatro si trova:

Via dell'Anfiteatro

Per informazioni: 0744 285946

Orario di apertura

Visita su prenotazione nell’orario di apertura di “CAOS”

Costo ingresso:  intero 5; ridotto 3.50 ( consente  anche la visita  al Museo d’Arte Moderna e Contemporanea “Aurelio De Felice”  e al Museo Archeologico.) .  Per i  residenti del Comune di Terni l’ingresso è gratuito

Museo Archeologico

Numerosi  reperti archeologici di epoca preromana e di quella  romana ritrovati nel territorio ternano, sono raccolti e fruibili presso il Museo Archeologico, che insieme alla Museo d’arte Moderna e Contemporanea, costituisce il polo museale della città di Terni.

Il museo archeologico si compone di due sezioni- quella preromana e quella romana.

Nella prima sono esibiti reperti appartenenti agli insediamenti  di Maratta Bassa ( X-II sec a.C.) e a quello che si trovava in corrispondenza dell’attuale via dell’Ospedale.( VIII-VII sec a. C.), nonché quelli recuperati presso l’area sacra di monte Torre Maggiore ( VI a.C.-IV d.C.).  Altri notevoli materiali esposti in questa sezione sono i corredi funerari rinvenuti nelle necropoli del territorio- quella delle Acciaierie (X-IV sec a.C.)e quelle di San Pietro in Campo e dell’ex Poligrafico di Alterocca (VII- VI sec a.C.).

La sezione romana è rappresentata dal alcune testimonianze della città  di Interamna, come, resti architettonici, mosaici, epigrafi e monumenti funerari.

Per informazioni su costi e orari: www.caos.museum

san valentino
Cascata delle Marmore
outdoor
La città vecchia